+39 039.2100835 Via Carlo Prina 6, 20090 Monza
+39 02.4048930 Via Rembrandt 22, 20148 Milano
+39 02.9754938 Via Garibaldi n. 22a, 20010 Boffalora Sopra Ticino

Licenza Trasporto Conto Terzi

 

 

autocarri

Esistono tre tipologie di iscrizione all’Albo autotrasportatori conto terzi

Esistono tre tipologie di iscrizione all’Albo Autotrasportatori per ottenere la licenza di trasporto per conto terzi:

  • Veicoli con massa complessiva a pieno carico fino a 1,5 tonnellate
  • Veicoli con massa complessiva a pieno carico fino a 3,5 tonnellate
  • Veicoli senza vincoli e limiti

Nel primo caso occorre il solo requisito di onorabilità per procurarsi la licenza. Nella seconda situazione, invece, è necessario soddisfare 4 requisiti:

1. Capacità professionale: il requisito della capacità professionale è soddisfatto attraverso la frequenza di uno specifico corso di idoneità di 74 ore senza esame finale e di un corso di formazione periodica che si svolge ogni dieci anni. Non dimentichiamo che il gestore dei trasporti per conto di terzi può anche essere esterno all’azienda e, semplicemente, designato a svolgere tale funzione.

2. Capacità finanziaria: occorre un’adeguata idoneità finanziaria in proporzione ai veicoli in disponibilità.

3. Accesso al mercato: le nuove imprese di trasporto che utilizzano veicoli con massa complessiva a pieno carico fino a 3,5 tonnellate, per accedere al mercato, devono dimostrare di aver acquisito, per cessione d’azienda, un’altra impresa di autotrasporto e il suo intero parco veicolare, composto da veicoli di categoria non inferiore a Euro 5, oppure di aver acquisito e immatricolato almeno due veicoli sempre di categoria Euro 5.

4. Requisito dello stabilimento (REN) : ossia la disponibilità di uno o più locali adibiti ad uso ufficio, in proprietà, usufrutto,  leasing oppure in locazione o in comodato. Per le imprese individuali, in alternativa, l’ufficio può coincidere con la residenza anagrafica del titolare. Per le società di persone, invece, si fa riferimento al domicilio presso la residenza anagrafica di un legale rappresentante.

Anche nell’ultimo caso, cioè per i veicoli con massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate occorre soddisfare 4 requisiti per  ottenere la licenza di trasporto per conto di terzi:

1. Capacità professionale: il requisito della capacità professionale è soddisfatto attraverso la frequenza di uno specifico corso preliminare (150 ore) che si conclude con un esame finale. Il gestore dei trasporti può essere designato a svolgere tale funzione solo presso un’impresa.

2. Capacità finanziaria: come per la precedente categoria di veicoli, questo requisito riguarda l’idoneità finanziaria in proporzione ai veicoli in disponibilità.

3. Accesso al mercato: anche in questo caso, come visto precedentemente, le nuove imprese di trasporto , per accedere al mercato, devono dimostrare di aver acquisito, per cessione d’azienda, un’altra impresa di autotrasporto e il suo intero parco veicolare.

4. Requisito dello stabilimento (REN): si tratta di una situazione identica alla precedente. Lo stabilimento indica la disponibilità di uno o più locali adibiti ad uso ufficio, in proprietà, usufrutto,  leasing oppure in locazione o in comodato. Per le imprese individuali, in alternativa, l’ufficio può trovarsi presso la residenza anagrafica del titolare. Per le società di persone, si ricorre all’elezione del domicilio presso la residenza anagrafica di un legale rappresentante.

Per le nuove imprese o per chi ha deciso di intraprendere l’attività di autotrasportatore occorre presentare l’ istanza di inizio attività presso il Registro Imprese. La documentazione necessaria per richiedere la licenza di trasporto per conto di terzi, in questo caso, include:

  • Procura
  • Documento d’identità del legale rappresentante
  • Provvedimento dirigenziale di iscrizione dell’Albo Autotrasportatori
  • Iscrizione al REN (solo per veicoli superiori a 3,5 quintali)
  • Trattandosi di un’attività in proprio, rientra nella categoria degli artigiani, perciò è necessaria anche l’iscrizione all’Albo degli artigiani corredata dall’obbligo di iscrizione Inail